Donne Afgane: La prima proiezione del cortometraggio realizzato dal Comune in Aula Consiliare  


Il fondamentalismo islamico, in Afganistan, porta estreme conseguenze. I talebani negano alle donne persino il diritto alle cure. Ad esse è negato qualsiasi ruolo civile, se non quello di soggiacere alla volontà degli uomini, su questo argomento l’amministrazione comunale ha voluto fortemente dedicare un cortometraggio proiettato oggi per la prima volta in Aula Consiliare alla presenza delle autorità e delle scolaresche.
 
La manifestazione, coordinata dall’Assessorato alle Pari Opportunità e alla cultura, è stata un momento di riflessione nell’ambito di una condivisione delle problematiche che stanno vivendo le donne afghane di totale assenza dei diritti. L’obiettivo principale è stato quello di diffondere la conoscenza di queste tematiche per sensibilizzare tutti alla condivisione e alla partecipazione.
 
Dopo i saluti dell’arcivescovo monsignor Michele Pennisi, del sindaco Alberto Arcidiacono e dell’Assessore alla cultura – pari opportunità Rosanna Giannetto, sono intervenuti con delle relazioni ,Don Innocenzo Bellante  Assistente nazionale Movivento per l’impegno educativo dell’azione cattolica,
 la regista del cortometraggio Linda e la scrittrice e docente di Filosofia Liliana Nobile che si è soffermata sui diritti delle donne facendo anche dei confronti.
Presenti tutti gli assessori, consiglieri il Capitano Andrea Quattrocchi -comandante Gruppo Carabinieri Monreale, il comandante della Stazione Carabinieri Antonio La Rocca,l’attore Manfredi Russo, i dirigenti scolastici Patrizia Roccamatisi, Francesca Giammona e Loredana Lauricella dirigente scolastico dell’istituto di istruzione superiore Basile – D’Aleo i cui ragazzi del liceo artistico hanno realizzato delle opere che sono state esposte nelle sale del Complesso e presentate dalla professoressa Paola Campanella che rappresentano immagini di donne.
Ad esibirsi con brani al pianoforte due alunne pianiste dell’ICS Margherita Di Navarra seguite dalla professoressa Silvia Vaglica. A conclusione il delegato Sicilia dell’Ordine Costantiniano Antonio Di Janni , che ha sponsorizzato il cortometraggio ha donato due medaglie all’assessore Giannetto e alla regista Ferrante per l’impegno e l’importante significato dell’iniziativa.

Previous Post
Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!